15:44 Le telecamere di sicurezza vedono cose bellissime

 

2017

Sedie in formica. Un tavolo. Una poltrona. Una lampada.

Pochi elementi delineano un interno. Uno spazio viene costruito e decostruito dalle figure che lo attraversano. Una telecamera-spia puntata su quello che avviene alle 15.44 del pomeriggio. Ipoteticamente. Vecchie pellicole, idoli rock, stratificazione di linguaggi e riferimenti. Cinque figure danno vita a degli interni; in ogni episodio si dispiega l’evocazione di un ambiente. Alla stregua di un set cinematografico, gli interni si disgregano velocemente e rivelano la loro natura effimera.

Le diverse dimensioni della presenza si sovrappongono e si ribaltano. Le relazioni spaziali stabiliscono ruoli ed equilibri mutevoli tra gli inquilini, dando vita ad un montaggio scenico dove i diversi piani della rappresentazione si incrociano in una dissolvenza continua.

Di Agostino Bontà
autori e interpreti Francesca Antonino,, Simone Evangelisti, Elena Giachetti, Elisa Pol, Valerio Sirna

produzione Agostino Bontà | Sosta Palmizi
con il sostegno di Artisti Drama (MO), Castiglioncello (LI), Danza Urbana_Rete Habitat, Comune di Budrio (BO), Fienile Fluò (BO)

DURATA 50 min.

 

Spettacolo finalista al premio FOREVER YOUNG (Corte Ospitale)