Bolerò

2014

bolerò.jpeg

Concept e Coreografia Cristina Kristal Rizzo

con danzatori/danzatrici tra i 9 e i 12 anni

assistente alla coreografia per la ripresa dello spettacolo nel 2016 Elena Giachetti

Musica Bolero di M. Ravel Nell’esecuzione dei Berliner Philharmoniker Diretti da Pierre Boulez

Produzione CAB 008 Con il sostegno di Regione Toscana e MiBACT Coproduzione Biennale Danza di Venezia

DURATA 20 min.

Bolerò, pensato appositamente per la Biennale Danza 2014, e stato riproposto nel 2016 presso Fonderia 39- Fondazione Nazionale della danza, vede coinvolto un gruppo di giovanissimi interpreti che si confrontano con una scrittura coreografica contemporanea composta sulla musicale originale. Qui si tratta d’immaginare la trasmissione di pratiche molto specifiche per corpi che si preparano ad una trasformazione, immaginare l’attivazione di un lume interno, qualcosa di simile ad un fuoco luminoso capace di spostare il paradigma dal dominio alla disposizione.

Il progetto parte dal desiderio di creare un vero e proprio repertorio coreografico per giovani interpreti. La coreografia è strutturata per soli, duetti, terzetti che si scompongono e ricompongono in base alle caratteristiche del gruppo di interpreti. 

IDLE 

2017

Schermata 2021-03-15 alle 15.52.30.png

2017

Concept Glen Çaçi

performers: Elena Giachetti, Glen Çaçi, Ian Nika Çaçi.
Visuals Pietro Cardarelli
Sound Ilir Lluka

Con il sostegno di La Villette (Parigi) 

https://vimeo.com/405888865

Schermata 2021-03-15 alle 13.04.02.png
Schermata 2021-03-15 alle 15.50.14.png

MIRROR

2014

mirror1.jpeg

Spettacolo Semifinalista Premio Scenario Infanzia 2014

Ispirato a Mirror di Suzy Lee
Con Elena Giachetti
Regia Angela Ruozzi e Mario D’Avino
Video Tommaso Ronda
Audio Valerio Carboni
Consulenze Dott.ssa Pinuccia Fagandini
Costumi Nuvia Valestri
Scenografia Santino Casi
Produzione Centro Teatrale Mamimò
DURATA 50min.

https://vimeo.com/127833220

Mirror2.jpeg

Uno spettacolo senza parole, in cui le immagini narrative saranno ricreate dall’attrice attraverso il  linguaggio del corpo e una partitura di azioni fisiche. Uno spazio essenziale in cui un enorme specchio sarà anche l’unico personaggio interagente con l’attrice. Lo specchio sarà riprodotto attraverso uno schermo PVC per video-proiezioni. Nella prima parte dello spettacolo saranno retro-proiettate le immagini della bambina riflessa che si muove in sincrono con la bambina-attrice, mentre nella seconda parte la bambina riflessa inizierà ad agire autonomamente entrando in conflitto con la bambina-attrice. Ci avvarremo di effetti video e di un tappeto musicale di sottofondo con inserimento di effetti sonori per sostenere l’interazione tra attrice in scena e video-proiezioni.